Remember The Dragons installazione Stampa
Scritto da Redazione   
Martedì 13 Marzo 2018 13:56

Alcuni spettatori ricorderanno di aver visto il bel Perhaps All The Dragons in occasione del FIT Festival del 2016, lavoro in cui la compagnia Berlin indagava il tema del rapporto tra la realtà e la finzione; Remember The Dragons, che vedremo da mercoledì 21 a domenica 25 marzo (mercoledì 21 ore 14.00,16.00, 18.00, giovedì 22 e venerdì 23 ore 20.30, sabato 24 ore 14.00,16.00,18.00,20.30, domenica 25 ore 11.00,14.00,16.00,18.00) , nel suggestivo spazio di archeologia industriale dell’Ex Macello di Lugano, torna ad indagare lo stesso tema dal punto di vista di trenta bambini che ci parlano grazie a dei videomessaggi.
Remember The Dragons invita gli spettatori a sedersi attorno ad un tavolo e ad ascoltare trenta storie che ci vengono raccontate da altrettanti bambini provenienti da ventuno paesi diversi; ciascuno ci parla nella sua lingua e ci racconta una storia. Crederemo a tutto quello che ci verrà raccontato? Sottotitolato in italiano, lo spettacolo è pensato per un pubblico di età compresa tra gli 11 e i 15 anni. I loro genitori vedranno lo spettacolo da un punto di vista che non mancherà di sorprenderli...

Venerdì 23 alle ore 20.30 (replica domenica 24 stessa ora) al Teatro Foce va in scena Il processo per l’ombra dell’asino spettacolo diretto dal ticinese Alan Alpenfelt. Il processo per l’ombra dell’asino è il primo capitolo di un’antologica sui radiodrammi di Friedrich Dürrenmatt. Dürrenmatt riscrive in chiave tragicomica la storia del vero processo ad un’ombra di un asino avvenuto nella antica - e ormai distrutta - città greca di Abdera. La scintilla che infiamma l’inarrestabile sfortunata sequenza di eventi parte quando un dentista, Strutione, affitta un asino per un intervento urgente fuori città: il caldo opprimente lo obbliga a sedersi all’ombra dell’asino. Si scatena così una discussione tra lui e l’asinaio Antrace che lo accusa di aver pagato l’asino ma non la sua ombra: le conseguenze di questa diatriba sono difficilmente immaginabili...
Un lavoro che Alpenfelt e il suo gruppo di lavoro realizzano avvalendosi di tecniche sonore tridimensionali, eseguite in scena da cinque giovani attori sia interpreti che rumoristi, da un sound designer e da un asino-musicista. Lo spettacolo, a cui gli spettatori assisteranno grazie a delle cuffie audio, è prodotto da VXXZWEETZ e da LuganoInScena.

Forti del successo registrato a Milano dove hanno appena concluso due mesi di repliche sold out, da venerdì 23 a domenica 25 marzo (feriali ore 20.30, festivi ore 17) in Sala Teatro LAC arriva Signori si nasce... e noi? nuovo spettacolo de I Legnanesi; un lavoro scritto da Felice Musazzi e Antonio Provasio, che omaggia il grande Totò a cinquanta anni dalla sua scomparsa.

Uno spettacolo in cui si vedranno i colori caldi e passionali e le tradizioni di Napoli, e si ascolteranno brani come “Malafemmena”, “O' sole mio", "Funiculì Funiculà", ballando sul ritmo di una scatenata tarantella.

Biglietteria LAC

Piazza Bernardino Luini 6 CH6901 Lugano

+41 (0)58 866 4222 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. www.luganoinscena.ch