Adriano Pitschen “Forme presenti” Stampa
Scritto da Redazione   
Sabato 19 Maggio 2018 00:00

Con la mostra Adriano Pitschen "Forme presenti" la Fondazione d'Arte Erich Lindenberg vuole mettere in risalto il percorso recente di un pittore che, già dalla seconda metà degli anni Settanta, insiste in un lavoro consapevole e coerente.
La scelta si focalizza sulle opere realizzate dopo l’importante esposizione personale che il Museo d’arte di Mendrisio gli ha dedicato nel 2010. Vi sono riuniti i principali nuclei di dipinti a olio, una scelta di pastelli, acquerelli e incisioni, in cui dialogano le costanti presenti nelle singole composizioni. In chiara continuità con la produzione dei decenni precedenti, proprio dal 2010, si può rilevare come ogni lavoro abbia assunto una frontalità e una semplificazione accresciute. Le dinamiche compositive appaiono ora maggiormente caratterizzate nel loro orientamento spaziale, coinvolgendo in modo energico i potenziali di colore-luce.

Biografia

Adriano Pitschen si forma all’Accademia di Brera a Milano, dove si diploma nel 1977.
Viaggia frequentemente per approfondire i suoi interessi e soggiorna più volte a Parigi;
in particolare, è fortemente attratto dalle più spoglie nature morte di Chardin e dalla pittura postimpressionista francese. Dal 1979 inizia ad esporre; tra le principali mostre personali si ricordano quelle alla Galleria Pro Arte di Lugano (1985), alla Galleria delle Ore di Milano (1988), allo Studio Arte3 di Trieste (1992), al Museo Epper di Ascona (1994), al Museo Cantonale d’Arte di Lugano e alla Biblioteca dell’Università di Verona (2004). Il Museo d’arte di Mendrisio, nel 2010, gli dedica una mostra con opere dal 1995 al 2010.

Su di lui hanno scritto: Jean Soldini, Elena Pontiggia, Piero Del Giudice, Roberto Pasini, Simone Soldini, Marco Rosci.

http://www.ilgiornale.ch/4ebed4e7-4660-42da-a97f-7b512ee24452" alt="page2image1801376" width="551.330079" height="72.479980">

Adriano Pitschen “Forme presenti”

27 maggio – 14 ottobre 2018

Museo Villa Pia, via Cantonale 24, Porza a cura di Tiziana Lotti Tramezzani

Inaugurazione: domenica 27 maggio 2018, ore 15.00

alla presenza della curatrice Tiziana Lotti Tramezzani e dell’artista. Segue aperitivo.

La mostra è accompagnata da un catalogo a cura della Fondazione, arricchito dal testo critico di Roberto Pasini.

Apertura al pubblico

Martedì 10-18 Domenica 14-18 Ingresso gratuito

Visite guidate per adulti e visite guidate e atelier didattici per le scuole

Martedì e domenica su prenotazione e gratuiti
Mercoledì giovedì e venerdì su prenotazione 100,00 CHF

Info e prenotazioni

+41 (0)91 940 18 64 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.