Intervista con Martin Kiem : Wald tut gut Stampa
Scritto da Chiara Marcon   
Giovedì 11 Luglio 2019 12:42

kiemMartin Kiem, nella foto a sinistra, è l’autore del libro Wald tut gut, e professionista nella pratica di Waldbaden.

Il bosco è l’elemento centrale della sua vita professionale e personale. Psicologo tedesco, vive da anni in Alto Adige, e accompagna turisti e non, in un esperienza sensioriale a tutto tondo. Il bosco è il suo ufficio, con qualsiasi stagione, organizza “escursioni”, che puntano a ritrovare il benessere che la vita di tutti i giorni ci fa un po’ dimenticare. 

Il suo libro scritto in collaborazione con Martina Weise e Karin Greiner, è un piccolo prontuario, introduttivo al bosco ma anche uno scritto pratico dove tutti i giorni possiamo prendere qualcosa da portare nella nostra vita, esercizi, ricette, e tanti spunti di riflessione. 

In questa intervista Kiem ci spiega meglio come portare il bosco da noi tutti i giorni: 

waldCos'è il bosco per te?

Per me personalmente, la il bosco significa molte cose. È stato il mio lavoro per più di due anni. È anche un posto dove mi piace rilassarmi. Terzo, ho un figlio di circa un anno, con il quale andiamo quasi ogni giorno nel bosco , è il nostro parco giochi, per così dire.

Cosa significa “Il bosco fa bene"?

Il bosco è un ecosistema che influenza positivamente il nostro benessere fisico e mentale. Rilassa il nostro sistema nervoso, stabilizza il nostro sistema ormonale e promuove il sistema immunitario. È un effetto sanitario molto olistico che mi piace semplicemente riassumere come “il bosco  fa bene".

Che cos'è Waldbaden? e quali clienti visitano il tuo laboratorio?

Waldbaden è una pratica basata sulla natura originaria del Giappone che mira a promuovere olisticamente la salute e aiutare le persone a trovare più equilibrio e pace. La balneazione nella foresta non riguarda la copertura di grandi distanze o il raggiungimento di alte prestazioni fisiche secondo il motto più in alto, più veloce e più lontano. Al contrario il centro  è l'attenta decelerazione dentro e con la natura intatta. Il Waldbaden invita a fermarsi, a sentire e a percepire di nuovo la natura e l'autocoscienza.

I partecipanti sono molto diversi. Ad esempio, ho fatto una visita guidata in cui il partecipante più giovane aveva 27 anni e il partecipante più anziano aveva 84 anni.

Hai studiato psicologia, come la applichi al tuo lavoro?

Ho studiato originariamente Psicologia industriale e organizzativa. Questo è un campo molto speciale in psicologia. Tuttavia, dal momento che mi occupo di balneazione nei boschi, mi sto concentrando sempre più sul tema "ecopsicologia". L'ecopsicologia riguarda la connessione tra uomo e natura e come questa connessione influisce sul benessere.

Quali sensi vengono attivati nella foresta, che ignoriamo nella vita di tutti i giorni?

Ho osservato che molte persone sono molto "sconvolte" dalla vita di tutti i giorni. In un mondo inondato di sensazioni, ci piace chiudere i nostri sensi come una sorta di autoprotezione per non essere travolti dalle impressioni dell'ambiente (rumore, odori, ecc.). Nel bagno del bosco , tuttavia, vogliamo fare il contrario. Attraverso esercizi specifici, apriamo consapevolmente i nostri sensi per far fluire la foresta e la sua atmosfera dentro di noi.

Perché è difficile trovare il tempo per noi stessi, ad esempio per meditare o rilassarsi ...?

Ovviamente questa è una domanda molto difficile e complessa. In parte, penso che abbia a che fare con il fatto che nella nostra società occidentale, stando fermi, la pausa e il rilassamento a volte sono negativamente connotati. L'assunto: "chi rallenta in una società ad alte prestazioni viene rapidamente superato!" Personalmente, tuttavia, credo che il relax, la pausa e la rigenerazione siano la chiave per le prestazioni a lungo termine.

Puoi dirci qualcosa di speciale che è successo quando hai iniziato il tuo lavoro?

Ho completato la mia formazione come guida certificata per la gestione della natura e della terapia forestale in Nuova Zelanda. Uno degli istruttori ha pronunciato una frase che ho spesso ricordato da allora: "La balneazione del bosco  non è affatto eccezionale. Ma ciò che i partecipanti ascuisiscono durante un tour di balneazione è spesso molto insolito. “. Ho fatto quasi 80 tour balneari nella foresta e posso solo confermare questa affermazione.

Pro e contro del tuo lavoro?

Sicuramente ho uno dei lavori più belli e probabilmente più sani che si possano immaginare. Questo è un enorme vantaggio. Lo svantaggio, o meglio la più grande sfida del mio lavoro, è che la natura non può essere pianificata. Non importa se hai programmato un tour di balneazione nel bosco  con 20 o 30 persone, se piove o nevica, non puoi cambiarlo. Nel mio lavoro hai bisogno di un alto grado di flessibilità.

Ci sono esercizi e persino ricette nel tuo libro ... cosa consigli per domani?

La mia raccomandazione per voi domani:

1. Trova un pezzo di natura, idealmente una sezione di bosco.

2. Muoviti molto lentamente. In media, 10 volte più lento della normale velocità di camminata.

3. Cerca di parcheggiare i tuoi pensieri nel modo migliore possibile all'ingresso del bosco.

4. Accendi i sensi in modo che l'atmosfera della natura possa fluire dentro di te.

5. Goditi la visita del bosco e le impressioni.

A partire da domani, dove possiamo trovare la nostra foresta nella nostra vita normale?

Elementi della balneazione boschiva possono essere praticati in ogni situazione della vita quotidiana. Fermati una volta, fermati, forse fai qualche respiro calmo. Per "ricordare" ancora e ancora sul nostro corpo e sui sensi.


Sopra a destra la copertina del libro "Wald tut gut".

Contatti:


MARTIN KIEM

Frontier Wellbeing

New Science, New Choices, New Possibilities 

Tel: +39 328 431 7040

Mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Web: www.frontierwellbeing.eu

Web: www.natureconnectiontours.com