Notte della scienza a Zurigo Stampa
Scritto da Cristina Forzani   
Mercoledì 30 Settembre 2009 00:00
NACHT DER FORSCHUNG.jpgL’ETH e l’Università di Zurigo, con la partecipazione di Alstom, hanno organizzato venerdì 25 Settembre “la Notte della Ricerca” dalle h 17 alle 24 a Bürkliplatz. Nei vari stand i ricercatori spiegavano i loro progetti e le novità tecnologiche che stanno testando. Da citare è un dispositivo sviluppato da UniversitätsSpital di Zurigo composto da una fonte e un detector che solo appoggiandolo sulla testa di un neonato permette di determinare la quantità di ossigeno all’interno del cervello, un promettente metodo non invasivo, che può permettere la diagnosi di malattie o malfunzioni subito dopo la nascita. Alstom presentava  le sue attività nel campo energetico (turbine a gas e metodologie per la manutenzione dei componenti), IBM la sua ricerca nel campo dell’elettronica e il Dipartimento di Informatica sistemi avanzati di robotica. Il Dipartimento di Fisica dell’ETH mostrava le “magie” dell’azoto liquido e dei superconduttori. Queste iniziative sono importanti per la gente comune, che può accedere ad un mondo altrimenti “sconosciuto”, e per gli scienziati stessi, che in queste occasioni possono scambiarsi opinioni e rimanere aggiornati.http://www.nachtderforschung.ch/de/index.php