Notice
Progetto europeo FABRIC. Stampa
Scritto da Paola Zorzi   
Venerdì 22 Giugno 2018 13:31

g  0 torino politecnicoStudi e test di sostenibilità ambientale, tecnologica ed economica della ricarica dinamica dei veicoli elettrici.

Giovedì 21 giugno, a conclusione del progetto "FABRIC - Feasibility analysis and development of on-road charging solutions for future electric vehicles", nell'Aula Magna del  Politecnico di Torino si è tenuto un convegno per illustrare i risultati e descrivere il percorso finanziato dal VII Programma Quadro e  intrapreso da un consorzio di 25 partner di 9 Paesi europei, sulla fattibilità di tecnologie di ricarica su strada e,  a lungo termine, di un ampliamento della gamma dei veicoli elettrici (EV).  Foto Paola Zorzi

Un progetto in sintonia con i propositi della Comunità europea che  da anni  promuovepratiche volte sia ad aumentare l'efficienza energetica attraverso un consumo intelligente delle risorse,  sia a sostenere progetti che comportino un miglioramento della qualità della vita in termini di salute e sicurezza promuovendo tra l'altro  l'impiego di energie rinnovabili. 


{gallery}fabrica{/gallery}


In tal senso l'implementazione di soluzioni ICT  per l'efficienza energetica dovrebbe contribuire a soddisfare le richieste ambientali sulla mobilità futura. Un tema questo centrale in quanto a livello globale il settore dei trasporti assorbe circa un  terzo del consumo totale di energia. ICT rendendo più efficienti i trasporti potrebbe infatti  determinare una diminuzione del consumo energetico. Questo può avvenire  su più fronti: attraverso lo sviluppo di tecnologie atte a monitorare il  traffico oppure a fornire strumenti di navigazione efficienti o ancora strumenti di eco-driver con conseguente controllo delle emissioni inquinanti. Importante è anche la possibilità di creare Smart Grid, cioè Reti intelligenti  ed interattive per la distribuzione dell'energia che tengano conto ad esempio delle necessità di erogazione energetica nei diversi luoghi e momenti della giornata (negli Stati Uniti  Obama nel 2009 aveva già firmato un progetto pilota collegato a Smart Grid).

Sempre la UE si pone l'obiettivo di abbattere del 20%  le emissioni di gas serra entro 

il 2020. Anche in questo caso le tecnologie ITC potrebbero contribuire allo scopo introducendo intelligenza nei sistemi complessi, limitando da un lato il sovra-dosaggio di energia e dall'altro consentendo lo stoccaggio di energia quando necessario o ancora introducendo sensori, termici ad esempio, in quanto il raffreddamento, come sottolineato durante il convegno, determina un grande dispendio energetico.

Molti in tal senso gli argomenti trattati durate il congresso che si sono caratterizzati attraverso un approccio multidisciplinare. La realizzazione di un tale progetto infatti dovrà contare su più realtà scientifico-tecnologiche e professionali. Solo il concorso di tutti questi  contributi, è stato sottolineato,  potrà infatti rendere possibile la sua realizzazione.

Il progetto partito nel 2014, che comprende il Politecnico di Torino come partner, si confronta dunque con le possibilità di un suo concreto sviluppo su larga scala. A questo scopo nel "Test site"  italiano dell'autoporto di Susa (Torino), venerdì  22 giugno, sono stati programmati dei test dimostrativi.

Si tratta nello specifico  di una ricerca che negli ultimi anni si è orientata verso la diminuzione del tempo di ricarica sia statica (cablata e wireless/ fili e senza fili) che dinamica o in movimento, quest'ultima con batterie più piccole, ricarica rapida ma esigente maggiori investimenti in infrastrutture.

Durante il convegno sono stati presentati vari prototipi che ad esempio mostravano modelli di elettrificazione dei veicoli via cavo oppure  un manto stradale ad hoc atto alla ricarica in movimento. Il tutto sovente collegato ad aspetti strutturali e ad una architettura urbanistica legata alla comunicazione e viabilità.  

Molti in concreto gli obiettivi che il progetto Fabric si è dato, dalla determinazione delle esigenze dell'utente finale e delle richieste di settore (demand side) all'identificazione dei driver tecnologici e delle sfide implicite alla implementazione e installazione diffusa delle possibili infrastrutture legate alla ricarica wireless.

Tutto questo nella consapevolezza della necessità di determinare nuove attività di sviluppo e tecnologie con sviluppatori che coinvolgono i vari attori di questo settore. 

Proposte quindi di partnership e collaborazioni delle parti interessate accompagnate 

da un'indagine sulle politiche governative, i regolamenti e modalità di finanziamento pubblico e privato... dato che queste vanno ad incidere sui progressi delle stesse  infrastrutture di ricarica wireless.

Valutazione quindi del potenziale di penetrazione di questa tecnologia di ricarica dinamica sul trasporto pubblico oltre a quello delle auto.

E necessità di colmare le lacune tecnologiche con soluzioni razionali sia per la rete 

che per l'infrastruttura stradale.

I relatori provenienti da più Paesi, da diversi  Istituti di ricerca tecnologici pubblici e Uffici di ricerca legati ad Imprese da tempo impegnate su questo fronte si sono susseguiti nell'arco dell'intera giornata. 

Peccato constatare la quasi assenza di donne tra i relatori.