Formula Uomo : A Maranello la Ferrari usa solo energia verde autoprodotta Stampa
Scritto da Graziano Guerra   
Martedì 16 Marzo 2010 00:00

Ferrari_Centro-Sviluppo-Prodotto_Kl.jpgFedele al proprio impegno a tutto campo sui temi della riduzione dell’impatto ambientale, Ferrari persegue l’aumento dell’efficienza e della sostenibilità non solo attraverso nuove tecnologie da applicare alle vetture, ma anche grazie a ingenti investimenti sulle infrastrutture industriali che hanno già prodotto considerevoli risultati. ( A sx Ferrari Centro Sviluppo Prodotto).

Ferrari_nuova-VERNICIATURA_kl.jpgNel gennaio 2009 è stato infatti inaugurato un impianto fotovoltaico,installato sul tetto dell’area Nuova Meccanica, che ha ridotto il fabbisogno energetico dell’azienda di oltre 210.000 kWh l’anno; a seguire è entrato in funzione il più grande impianto di trigenerazione d’Italia (che produce elettricità, acqua calda e fredda), il primo adottato da un’azienda costruttrice di auto sportive. I due impianti permettonodi ridurre di 30 mila tonnellate (40%) le emissioni di CO2. Grazie a questo sistema ecologico Ferrari è del tutto autonoma dal punto di vista energetico. Con questo abbattimento Ferrari raggiunge gli obiettivi di Kyoto 10 anni prima della scadenza e con il doppio del valore richiesto all’Europa. La strategia “Formula Uomo”, definita dal Ferrari_Nuova_MECCANICA_kl.jpgPresidente Luca di Montezemolo alla fine degli anni ’90, e che ha trasformato il complesso produttivo di Maranello in uno dei più avanzati al mondo, compie un ulteriore passo nella creazione di un ambiente di lavoro unico che insieme alle altre iniziative rivolte al benessere dei dipendenti ha permesso alla Ferrari di essere considerata un modello di gestione come dimostra il premio Best Place to Work in Europe assegnatole qualche tempo fa.