in Italia svolta salutista a tavola Stampa
Scritto da Redazione   
Domenica 26 Marzo 2017 00:00

Nel 2016 si registra una decisa svolta salutistica degli italiani a tavola. A sottolinearlo e' la Coldiretti che annota un buon incremento degli acquisti familiari per la tavola del pesce fresco, con un balzo record del 5%, in netta controtendenza con i consumi alimentari complessivi che risultano, invece, in calo dell'uno per cento. L'analisi della Coldiretti, sulla base dei dati Istat e Ismea, sottolinea poi l'aumento della domanda interna, soddisfatto soprattutto dalle importazioni (+3%) con circa 2 pesci consumati su 3 finiti nel piatto che sono stranieri. Il 30% degli italiani - sottolinea la Coldiretti Impresapesca - mangia il pesce una volta alla settimana mentre un ulteriore 34% lo porta in tavola non meno di una volta a mese, secondo l'ultima indagine Eurobarometro. A differenza di quanto avviene nell'Unione Europea in Italia - prosegue la Coldiretti Impresapesca - il luogo privilegiato di acquisto e' per il 59% la pescheria che batte di poco il supermercato, mentre il 30% che si reca al mercato e ben il 9% che acquista direttamente dal pescatore. Nei mari italiani si pescano all'anno circa 180mila tonnellate di pesce con la flotta peschereccia italiana che conta circa 13mila imbarcazioni ma negli ultimi 30 anni - si sottolinea - sono stati persi il 35 per cento dei pescherecci e 18mila posti di lavoro.