Una notte a Venezia Stampa
Scritto da Redazione   
Venerdì 16 Giugno 2017 12:09

“La Rai non si faccia scappare Alberto Angela”. E’ solo uno dei tanti commenti che affollano la Rete. Una Rete che il 13 giugno si è “accesa” per un appuntamento tanto atteso quanto ben riuscito: è stato, infatti, un vero successo “Stanotte a Venezia”, il documentario andato in onda in prima serata su Rai1 che ha ottenuto 5 milioni di telespettatori e uno share pari al 25.05%. Il viaggio notturno nelle bellezze italiane, guidato da Alberto Angela, ha accompagnato i telespettatori alla scoperta della magia di Venezia proseguendo un percorso che nei precedenti appuntamenti aveva già incantato con le visite notturne al Museo Egizio di Torino, a Firenze, a San Pietro. Sono stati 13 milioni gli spettatori unici, oltre un italiano su cinque, che hanno seguito il programma di Rai1 e che hanno dedicato alla sua visione circa un’ora del proprio tempo. Il picco di ascolto è stato registrato alle 21.52 con oltre 6,1 milioni di ascoltatori, il picco di share alle 23.45 sul finale del docufilm con il 29,1%. Il figlio di Piero Angela oltre ad essere apprezzato come paleontologo, naturalista, divulgatore scientifico e scrittore è uno dei personaggi più popolari del web che anche questa volta non l’ha tradito: il 13 giugno, durante la messa in onda, si è registrato un nuovo record di interesse e consenso sui social network con oltre 83.000 interazioni che hanno coinvolto 55.000 utenti su Twitter e Facebook. A commentare i numeri lo stesso Alberto Angela che ha parlato di “un risultato formidabile”: “Ad essere premiati sono Venezia, il nostro incredibile patrimonio e la Rai che ha saputo puntare sulla cultura in prima serata. È la cultura che ha vinto. La nostra cultura. È la dimostrazione che se viene proposta nel modo giusto, consente di raggiungere grandi traguardi. Il mio pensiero va a tutti quelli che silenziosamente e tra mille difficoltà lavorano per la protezione e la valorizzazione dei nostri tesori su tutto il territorio. Il nostro passato è il nostro futuro”. Entusiasta anche il direttore di Rai1, Andrea Fabiano: “Ancora una volta Alberto Angela ha saputo proporre un racconto magnetico che ha unito il pubblico attorno a una delle meraviglie di arte, storia e bellezza che caratterizza il nostro paese. Il risultato - ha aggiunto - è la migliore gratificazione possibile per un lavoro complesso ed esaltante, messo in campo dalla Rai per l’ideazione e la produzione di questo grande evento. Una grandiosa impresa creativa e produttiva alla quale hanno contribuito professionisti di straordinario valore che hanno messo in campo la loro esperienza e passione”. Messi da parte talent e reality, il piccolo schermo appare sempre più propenso a dare spazio ad arte, cultura e a mettere in luce gli splendori del Belpaese. Qualche esempio? Le bellezze di “Sei in un Paese meraviglioso” tornano in prima serata su Sky Arte HD: il filo conduttore del racconto di quest’anno è il patrimonio di beni Unesco che circonda la rete di Autostrade per l’Italia. Dopo il successo delle prime due stagioni, da lunedì 19 giugno il programma promosso da Autostrade per l’Italia si arricchisce infatti di contenuti nuovi, attraverso il racconto dei siti italiani della lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Immagini in alta definizione per 18 nuovi appuntamenti e 2 conduttori d’eccezione: Dario Vergassola e Veronica Gentili. Intanto su Rete4 prende il via venerdì 16 giugno, in seconda serata, “Grand tour d’Italia sulle orme dell’eccellenza”: 11 appuntamenti in compagnia di Alessia Ventura. Il live&media experience del settimanale Panorama, diretto da Giorgio Mulè, racconta l’Italia e il suo patrimonio artistico e culturale, attraverso le eccellenze del mondo dell’impresa, dell’economia, della cultura, della scienza, dell’arte, dell’enogastronomia. Il viaggio di “Grand tour d’Italia” toccherà in tutto 13 città, attraversandolo da nord a sud. Fedele al suo motto “Tutto il meglio visto da vicino”, il programma esalta i territori e i talenti spesso nascosti del Paese. Nella prima puntata, la città protagonista sarà Torino mentre le altre saranno Bologna (23 giugno), Pavia (30 giugno), Spoleto/Norcia/Montefalco (7 luglio) e Bari (14 luglio). La carovana di “Panorama d’Italia” tornerà a settembre e racconterà in autunno le città di Trieste/Udine, Olbia, Milano, Caserta e Ragusa.