Scudetto ancora aperto Stampa
Scritto da Alessandro Gattoli   
Mercoledì 07 Aprile 2010 00:00
Active ImageResta apertissima la lotta per lo scudetto. Nel turno pre-pasquale, vincono tutte le prime tre in classifica – l’Inter, la Roma e il Milan – che restano dunque racchiuse in tre punti. Cadono invece Palermo e Juventus, sconfitte rispettivamente nel derby siciliano contro il Catania e in casa dell'Udinese nel posticipo. A San Siro, l’Inter capolista si impone 3-0 sul Bologna e resta a +1 sulla Roma. Decide la doppietta del brasiliano Thiago Motta e il gol di Balotelli, che fa subito centro nella giornata che segna il suo rientro. I giallorossi di Ranieri però non mollano e al San Nicola, contro il Bari, colgono il 22esimo risultato utile consecutivo in campionato: è un gol di Vucinic – dopo una bella combinazione tra Totti e Toni – a decidere il match.   Soffre anche il Milan di Leonardo, che passa 3-2 in casa del Cagliari al termine di una partita rocambolesca. I rossoneri vanno avanti due volte, con Borriello e Huntelaar, ma sono ripresi prima da Ragatzu e poi da Matri, un ex; è l’autorete di Astori a regalare tre preziosi punti al Diavolo. Il Catania si aggiudica il derby siciliano contro il Palermo: è una doppietta dell'attaccante argentino Maxi Lopez a regalare agli etnei di Mihajlovic, sempre più vicini alla salvezza, la quarta vittoria consecutiva al Massimino. La Sampdoria passa 2-1 in casa del Chievo e continua a cullare il sogno della Champions League, agguantando al quarto posto proprio i rosanero di Delio Rossi. Sblocca dopo 30 secondi Cassano, poi nella ripresa arriva il raddoppio Pazzini; la squadra di Di Carlo, malgrado l’inferiorità numerica per l’espulsione dell’argentino Morero, riesce a segnare con Mantovani ma non basta. Notevolmente ridimensionate, invece, le ambizioni di quarto posto della Juventus. Nel posticipo, la squadra di Zaccheroni è battuta nettamente, 3-0, dall'Udinese: per la Vecchia Signora si tratta della terza sconfitta nelle ultime quattro partite. Apre le marcature dopo nove minuti "El Niño Maravilla" Sánchez, nella ripresa chiudono il conto i gol di Pepe e Di Natale, sempre più capocannoniere con 22 reti. La Juventus scivola al settimo posto, l'Udinese sale al quint'ultimo. Finisce in pareggio, 1-1, la sfida dell’Olimpico tra Lazio e Napoli: i padroni di casa, al quarto risultato utile consecutivo, sbloccano subito il risultato con Floccari, i partenopei rispondono grazie al centrocampista slovacco Hamsík. Si chiude con lo stesso risultato l’incontro tra Parma e Fiorentina. I viola segnano per primi con De Silvestri, ma nella ripresa i ducali pareggiano con Bojinov, ex di turno. In zona salvezza, l’Atalanta supera 2-0 il Siena e rosicchia due punti alla Lazio: decidono le reti, una per tempo, di Valdes e Ferreira Pinto. Il Livorno si salva invece in extremis in casa del Genoa: apre il ghanese Boakye, pareggia a due minuti dalla fine Tavano.