Sui tatami della capitale degli Emirati Arabi Uniti, infatti, la bresciana si è messa al collo la medaglia d’argento nei -78 kg, ottenendo il risultato più importante della carriera in una rassegna iridata dopo il bronzo conquistato lo scorso anno a Doha, in Qatar. La numero tre del ranking mondiale (foto Emanuele Di Feliciantonio/IJF), dopo aver usufruito di un bye all’esordio, nel secondo turno ha sconfitto per ippon la colombiana Vanessa Chala. Agli ottavi di finale, quindi, nel golden score ha trovato il waza-ari vincente contro la portoghese Patricia Sampaio.

Nel mondo, il 25-35% della popolazione soffrirebbe per le variazioni climatiche soprattutto se brusche e inattese e, solo in Italia, i meteorosensibili rappresentano circa il 30-40% della popolazione.  Da un punto di vista scientifico, nel 1984, lo psichiatra Norman E. Rosenthal ha identificato la meteoropatia come Disturbo Affettivo Stagionale (Seasonal Affective Disorder, SAD) correlato alle variazioni ambientali. Le donne, gli anziani e gli ipertesi sono i più sensibili, così come chi soffre di cefalea cronica o di sindromi osteoarticolari, perché al variare dei parametri meteorologici, si riduce la soglia del dolore."Per combattere le stranezze del tempo – suggerisce Luca Piretta, Gastroenterologo e Nutrizionista, Università Campus Bio-medico di Roma – valgono le regole di buon senso come fare attività fisica per almeno 20 minuti al giorno, evitare la frenesia di scoprirsi subito vista la prossimità della bella stagione, idratarsi correttamente bevendo acqua più mineralizzata e curare l’alimentazione”.

Nella giornata di sabato 18 maggio si è svolto a Firenze il 67° Congresso Nazionale: “L’investigatore privato nell’era digitale” - dove per acclamazione è stato rieletto Luciano Ponzi per il mandato 2024/2027, un congresso con una grande partecipazione sia numerica, oltre 350, tra Delegati, Ospiti e Relatori, che relativamente alla qualità degli interventi delle diverse rappresentanze Istituzionali e Ordinistiche. “L’Italia è sempre più nel mirino dei cyber criminali.

Era il 22 maggio 1978, quarantasei anni fa, quando la legge 194 sull'interruzione volontaria di gravidanza veniva approvata. "Le democratiche sono molto preoccupate per il clima che c'è attorno alle donne, in particolare alla soggettività femminile: l'attacco alla 194 e alla sua applicazione, introducendo attraverso le Regioni l'accesso delle associazioni antiabortiste nei consultori pubblici, è un elemento di grave criticità che noi non solo denunciamo ma contro cui cercheremo di essere attivi": così Roberta Mori, portavoce nazionale della Conferenza delle donne democratiche, a margine di una conferenza stampa in cui i dem hanno illustrato le iniziative in programma  per “difendere” la legge 194, tra cui presidi sui territori e risoluzioni nel Consigli regionali per impedire proprio l'accesso delle associazioni pro-vita nei consultori, e chiedere che queste strutture vengano rafforzate.

Puntare sui ristoranti per valorizzare e tutelare le eccellenze casearie del nostro Paese, fornendo a ristoratori e chef uno strumento che aiuti a raccontare questa ricchezza ai consumatori, italiani e no. Da questa consapevolezza nasce il patto tra AFIDOP - Associazione Formaggi Italiani DOP e IGP e FIPE – Confcommercio, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, che hanno annunciato l'intesa per promuovere, in Italia e all'estero, due settori strategici del Made in Italy: i formaggi certificati, primo comparto del cibo DOP italiano, con un valore al consumo di 8,6 miliardi di euro, e la Ristorazione che, con i suoi 92 miliardi di euro di consumi, è un punto di riferimento fondamentale delle produzioni agroalimentari di qualità.

“Nessun grande Grande Fratello fiscale sarà mai introdotto da Fratelli d’Italia, dal centrodestra e da questo Governo. Noi siamo sempre stati contrari a meccanismi invasivi come il redditometro, applicati a persone oneste e la nostra posizione non è cambiata”. Così in un videomessaggio sui social il presidente del Consiglio Giorgia Meloni, annunciando il 22 maggio il ritiro del decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze sul cosiddetto ‘redditometro’. “Abbiamo ereditato – spiega il premier - una situazione però molto pericolosa nella quale non c’è alcun limite al potere discrezionale dell’amministrazione finanziaria di contestare incongruenze tra il tenore di vita e il reddito dichiarato, da qui la necessità di emanare un decreto ministeriale che prevedesse precise garanzie per i contribuenti”.

 Tutt’altro approccio, come detto, è invece quello adottato dai lavoratori di domani al cospetto dei “colleghi” di altri Paesi, specialmente se migranti o in fuga da contesti geopolitici critici. “Ci vengono a rubare il lavoro”, si sente spesso recriminare da parte degli adulti. Ma per i ragazzi è l’esatto contrario: solo l’8% vive con la preoccupazione che il multiculturalismo possa peggiorare le prospettive occupazionali degli italiani, in ogni settore. Per tanti altri (44%) la minaccia potrebbe valere giusto per compiti a bassa specializzazione.

Con 35 circoli sportivi coinvolti in altrettante città d’Italia e giornate a colpi di “pala” ha preso il via BLUPadel Tour, torneo di Bluvacanze e Vivere&Viaggiare dedicato allo sport a più rapido sviluppo negli ultimi anni. Piace perché è inclusivo, stimola la socialità essendo giocato perlopiù in 4 persone, dispone di un elevato numero di strutture visto che l’ultimo monitoraggio del 2023, da parte della Fitp – Federazione italiana tennis e padel, stima quasi 4mila campi affiliati e un milione di praticanti, con un bacino potenziale che supera i due milioni e mezzo: il padel si sposa alla perfezione con il tema delle vacanze e con un network capillare di agenzie di viaggio. BLUPadel Tour si divide in due progetti che vedono l’attuazione fino a fine anno e coinvolgeranno complessivamente 2mila giocatori. 

Umberto Orsini, grande protagonista della scena teatrale e non solo, torna al LAC lunedì 20 e martedì 21 maggio (ore 20:30) protagonista assoluto di Le memorie di Ivan Karamazov, lavoro liberamente ispirato a I fratelli Karamazov di Fëdor Dostoevskij per la regia di Luca Micheletti.
Dopo il celebre sceneggiato televisivo di Sandro Bolchi che ne rivelò il talento al grande pubblico nell’ormai lontano 1969 e La leggenda del grande inquisitore, questo “nuovo Karamazov” è per Orsini l’occasione di confrontarsi direttamente con uno dei personaggi più complessi e tormentati dell’intera letteratura:






Go to top
JSN Time 2 is designed by JoomlaShine.com | powered by JSN Sun Framework