Aumentano del 17% i viaggiatori stranieri in Italia per le festività di Natale se sarà mantenuto il trend di crescita registrato fino ad ora, con una decisa ripresa del turismo dall’estero anche se rimane ancora inferiore al periodo precovid. E’ quanto emerge dall’analisi Coldiretti su dati Bankitalia relativi ai primi nove mesi dell’anno in cui sono arrivati ben 68,5 milioni di viaggiatori dall’estero. Oltre 2 turisti stranieri su 3 che arrivano in Italia (70%) – sottolinea la Coldiretti – provengono dall’Unione europea ma rilevanti le presenze dal Regno Unito (5 milioni) e dagli Usa (oltre 3 milioni). L’andamento positivo degli arrivi stranieri è confermato dalla spesa che cresce del 16% rispetto allo scorso anno nel periodo considerato.

 Nonostante l’emigrazione sia il fenomeno che più ha condizionato la storia demografica dell’intera area valsesiana, soprattutto nel XIX secolo, Borgosesia, nel vercellese, è una realtà dinamica in continua espansione e in ammodernamento. Principale centro economico della Valsesia ed importante crocevia commerciale, il popoloso comune è situato ai piedi del Monte Fenera. Molte sono le testimonianze del ricco passato storico ed artistico di Borgosesia, come ad esempio la Parrocchiale dedicata ai SS. Pietro e Paolo, che custodisce al suo interno opere di Bernardino Lanino e Tanzio da Varallo ed il Santuario di Sant’Anna di Montrigone, posto sulla sommità di una collina e da considerarsi a tutti gli effetti un Sacro Monte.

Aumentano del 17% i viaggiatori stranieri in Italia per le festività di Natale se sarà mantenuto il trend di crescita registrato fino ad ora, con una decisa ripresa del turismo dall’estero anche se rimane ancora inferiore al periodo precovid. E’ quanto emerge dall’analisi Coldiretti su dati Bankitalia relativi ai primi nove mesi dell’anno in cui sono arrivati ben 68,5 milioni di viaggiatori dall’estero. Oltre 2 turisti stranieri su 3 che arrivano in Italia (70%) – sottolinea la Coldiretti – provengono dall’Unione europea ma rilevanti le presenze dal Regno Unito (5 milioni) e dagli Usa (oltre 3 milioni). L’andamento positivo degli arrivi stranieri è confermato dalla spesa che cresce del 16% rispetto allo scorso anno nel periodo considerato.

Si è conclusa la due giorni dedicata al Turismo delle Radici a Matera, nell’ambito della seconda edizione di Roots-in, primo evento internazionale di settore dedicato al tema del turismo di ritorno. E il 22 novembre, sempre a Matera, si è svolto il Tavolo Tecnico sul Turismo delle Radici, coordinato da Giovanni Maria De Vita, responsabile del Progetto “Turismo delle Radici” presso la Direzione Generale Italiani all’Estero del Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale.

 Montelupone, un affascinante borgo tra storia e natura, sorge sulle verdi colline marchigiane in provincia di Macerata. Le colline che lo circondano sono un vero paradiso per gli amanti della natura: mentre il mare Adriatico è a portata di mano, il paesaggio collinare offre la possibilità di scoprire un ecosistema affascinante lungo il fiume Potenza.

Con l'inizio della vendita dei biglietti l'organizzazione del Festival delle luci di Murten entra ufficialmente nel suo pieno svolgimento. Dal 17 al 28 Da gennaio 2024 opere d'arte luminose di grande formato, statue e illuminazioni di facciate brilleranno nuovamente in diversi punti dello storico Stedtli. Oltre agli irrinunciabili highlight del programma artistico, i visitatori dell'ottava edizione potranno aspettarsi anche una serie di installazioni luminose innovative e gruppi creativi.

 Frazione marina di san Giovanni a Piro, importante meta turistica per la qualità delle sue acque e per la sua posizione, Scario è il borgo marinaro più vicino alla costa incontaminata della Masseta e alle pendici del Monte Bulgheria. La costa che da Scario va alla punta è disseminata di grotte carsiche, di cale raggiungibili solo dal mare e da torri di avvistamento; le acque di questa parte del golfo sono molto limpide e ricche di fauna marina, probabilmente a causa della natura carsica delle rocce e alla conseguente presenza di sorgenti sottomarine di acqua dolce ed a temperature più basse.

Si è tenuto nell’Aula Magna dell’Università di Teramo, mercoledì 20 settembre, un simposio dal titolo “Turismo delle radici”, organizzato dall’Ateneo in collaborazione con l’Associazione Nazionale Famiglie degli Emigrati (ANFE), Italia Nostra e Regione Abruzzo. Il simposio, presieduto da Francesca Fausta Gallo – direttore del Dipartimento di Scienze politiche dell’Università di Teramo – si è aperto con i saluti del rettore Dino Mastrocola, del vice presidente della Camera dei Deputati Fabio Rampelli e del presidente nazionale ANFE Salvatore Bendici.  Dopo una introduzione ai lavori a cura di Aladino De Paulis responsabile cultura dell’ANFE Abruzzo-Marche e di Leonardo D’Ippolito direttore del Dipartimento cultura ed eventi dell’ANFE nazionale, sono seguite le relazioni di Tito Rubini responsabile cultura dell’ANFE Val Vibrata-Pescara,

 Colobraro è un caratteristico borgo della provincia di Matera con una splendida veduta su Valsinni, il paese della poetessa lucana Isabella Morra, considerata una delle voci più originali e autentiche della lirica femminile del ‘500, morta assassinata per mano dei suoi stessi fratelli nel castello in cui nacque. L’abitato di Colobraro è sorto intorno al cenobio dei monaci basiliani di Santa Maria di Cironofrio: il paese, infatti, è stato un antico centro basiliano, appartenuto alla Badia di Santa Maria di Cersosimo. Per quanto riguarda il Castello, del quale oggi restano i ruderi, esso risale al XIII secolo ed è stato dimora di numerosi feudatari.






Go to top
JSN Time 2 is designed by JoomlaShine.com | powered by JSN Sun Framework