L'UE, gli Stati Uniti e i membri del partenariato per la sicurezza dei minerali (PSM), cui hanno aderito Kazakhstan, Namibia, Ucraina e Uzbekistan, hanno annunciato l'avvio del Forum sul partenariato per la sicurezza dei minerali. Il forum fungerà da nuova piattaforma di cooperazione nel settore delle materie prime critiche essenziali per la duplice transizione economica verde e digitale a livello globale. Il Club per le materie prime critiche - preannunciato dalla Commissione europea - diventa ora parte integrante del Forum sul partenariato per la sicurezza dei minerali, dando vita a un'iniziativa congiunta più ampia e ambiziosa in congiunzione con il partenariato per la sicurezza dei minerali, in seno al quale la Commissione europea rappresenta l'UE. Il forum riunirà paesi ricchi di risorse e paesi con un'elevata domanda di tali risorse.

 Diciotto volte prima, una in più dello scorso anno. L’Università di Bologna è l’ateneo italiano che ottiene il maggior numero di primati a livello nazionale nella nuova edizione del QS World University Rankings by Subject, la classifica che valuta il posizionamento degli atenei nelle singole discipline. L’Alma Mater è prima in Italia per: Agriculture & Forestry; Anatomy & Physiology; Anthropology; Chemistry; Communication & Media Studies; Dentistry; Earth & Marine Science; Education; Geography; Geology; Geophysics; Law; Linguistics; Modern Languages; Sport-related Subjects; Statistics & Operational Research; Theology, Divinity & Religious Studies. Non solo: l’Università di Bologna è tra i primi 50 atenei al mondo in sei discipline,

L'Università di Padova conferma il suo prestigio accademico nei ranking "by subject" di QS, agenzia leader a livello globale nei ranking universitari, sia nell'ambito delle macro-aree disciplinari, sia per quanto riguarda le singole materie. La pubblicazione dell'edizione 2024 vede l'ingresso di cinque nuove discipline nella classifica, portando il totale a 37 sulle 42 analizzate per l'Ateneo patavino. Nell'ambito delle macro-aree disciplinari, le Natural Sciences fanno un ingresso trionfale nella top 100 mondiale, posizionando Unipd per la prima volta nella top 100 al 97° posto. Un risultato eccezionale che si aggiunge ai piazzamenti di rilievo delle altre aree disciplinari:

Prestigioso riconoscimento per la professoressa Elisabetta Starnini che l'8 aprile scorso, presso il Museo Nazionale Ungherese di Budapest, è stata nominata Corresponding Member della Società Ungherese di Archeologia e Storia dell'Arte. Docente di Preistoria e Protostoria del dipartimento di Civiltà e forme del sapere dell’Università di Pisa, Starnini è la prima archeologa italiana a ricevere questo riconoscimento che premia la sua "preziosa e versatile opera nel campo della ricerca archeologica in Ungheria” a cui è dedita fin dai tempi in cui era una giovane studentessa, con anni di studio e ricerca sostenuti da borse concesse attraverso il MAE/MAECI e la TEMPUS Foundation.

Le aree del Mar Mediterraneo interessate dalla formazione dei fenomeni naturali noti come uragani mediterranei o Medicane – dalla fusione dei termini inglesi MEDIterranean e hurriCANE – sono caratterizzate da una sensibile diminuzione di temperatura della superficie del mare qualche giorno prima della genesi di questi eventi estremi. Lo rivela uno studio dal titolo "Fingerprinting Mediterranean hurricanes using pre-event thermal drops in seawater temperature" recentemente pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale "Nature – Scientific Reports" e coordinato dai ricercatori del Dipartimento di scienze della Terra e geoambientali dell’Università Aldo Moro di Bari, svolto in collaborazione con il CNR-ISAC, l’Università di Catania, l’Università di Genova, l’Università di Venezia Ca' Foscari e l’area marina protetta del Plemmirio di Siracusa.

Alla 61/a edizione di Bologna Children's Book Fair (BCBF) si sente già aria di Francoforte. La partecipazione dell’Italia come Ospite d’Onore alla Frankfurter Buchmesse del prossimo ottobre è stata tra i temi al centro di questi primi giorni di programma della fiera dedicata a chi lavora nel campo dell'editoria e dei contenuti per bambini e ragazzi. Due panel – a cura dell’Associazione Italiana Editori (AIE) - rivolti agli operatori stranieri ed un momento di networking hanno segnato la presenza di Italia Ospite d’Onore 2024 Fiera del Libro di Francoforte nei padiglioni di BolognaFiere.

L’Università per Stranieri di Perugia è in missione in Uzbekistan, paese recentemente visitato dal Presidente Mattarella nell’ottica di un rafforzamento dei rapporti Italo-uzbeki. La delegazione dell’Ateneo, composta dal Rettore dell’Unistrapg, prof. Valerio De Cesaris, il prof. Roberto Dolci, delegato per le relazioni internazionali e la dott.ssa Valentina Seri, responsabile del servizio relazioni internazionali, ha in programma incontri istituzionali presso i maggiori Atenei uzbeki dove è attivo l’insegnamento dell’italiano o con potenziale interesse ad avviare collaborazioni nel settore dell'italianistica.

Sapienza ottiene un’ottima performance a livello mondiale nell’edizione 2024 del report QS World University Rankings by Subject, confermando il primato mondiale nella materia Classics and Ancient History con il punteggio di 99.5, superiore rispetto allo scorso anno, e quello nazionale in ben due aree tematiche: “Arts & Humanities” e “Natural Sciences”, rispettivamente al 44° e 61° posto mondiale. Tra le italiane, Sapienza è l'università che ha registrato il miglioramento maggiore, con un incremento complessivo del 21%. Il Ranking, pubblicato il 10 aprile, analizza quest’anno 55 materie raggruppate in 5 ampie aree tematiche. 

Competenze ed esperienza: sono queste le parole chiave che oggi guidano il mercato del lavoro. In effetti l’epoca in cui il titolo di studio costituiva il biglietto d’ingresso per accedere al mondo del lavoro sembra essere giunta al termine, in quanto le aziende valutano maggiormente le competenze pratiche e l’esperienza professionale delle persone. Si parla infatti di “Skills economy” come un cambiamento trasformativo iniziato già nel 2008 con la Grande Recessione e accentuato dalla pandemia: già 16 anni fa le figure neolaureate che si affacciavano al mondo del lavoro scoprivano infatti che avere un titolo non gli garantiva opportunità di lavoro ben retribuite o carriere di successo.






Go to top
JSN Time 2 is designed by JoomlaShine.com | powered by JSN Sun Framework